Matematica

La  matematica si impara dall’infanzia con le azioni, lo sport, il movimento.

L’azione è fondamentale per lo sviluppo delle categorie mentali primitive e  tra queste vi sono i concetti di spazio e tempo e lo sviluppo della logica, tutti coinvolti nell’apprendimento della matematica.

I genitori di solito sono iperprotettivi, perdono di vista la differenza tra “proteggere” il bambino e impedirgli di crescere facendo le proprie esperienze e commettendo i propri errori, “sbagliando s’impara”, i concetti astratti però si apprendono durante la vita quotidiana.

I nostri docenti, sin dalla prima infanzia lasciano liberi i bambini di sperimentare, di fare giochi da cortile e all’aria aperta, di acquisire consapevolezza del proprio corpo e dello spazio che lo circonda. Vengono organizzate attività didattiche per i bambini sin dalla scuola dell’infanzia: bolle di sapone, origami per capire la geometria, puzzle per fare proprio il teorema di Pitagora, altalene per capire la meccanica di Galileo, ed inventati strumenti per contare, gli abachi degli antichi romani ai bastoncini cinesi, per acquisire dimestichezza con i numeri.

La matematica così diventa alla portata di tutti.

 

Apprendimento Cooperativo – Inclusivo